Category Archives: Volume VIII Anno 15

Music Art Alzheimer

There is no known cure for Alzheimer’s disease. There are, however, many ways to treat symptoms and problems associated with the disease. Some Alzheimer’s treatments involve medications. Others are non-medical Alzheimer’s therapies like art, music, and more. The goal of an Alzheimer’s therapy is to help the person maintain a better quality of life. Alzheimer’s therapies that draw on individual interests through structured activities can be beneficial. Which therapies might work best for your loved one with Alzheimer’s disease? Start to answer this question by thinking about his or her past hobbies or passions. Talk with the doctor as well, who may have more suggestions and resources for using these therapies effectively for Alzheimer’s disease.

Music Therapy for Alzheimer’s Disease
Music therapy has many benefits for Alzheimer’s disease. It may help by:

Soothing an agitated person
Sparking memories
Engaging the mind even in the disease’s later stages
Improving eating in some cases
Here are some tips for using music therapy to help your loved one:

Golden oldies spark memories. Songs from the person’s youth often spark the most memories. In the later stages of Alzheimer’s disease, you may have to go back to songs learned in childhood. Encourage sing-a-longs. Try using a karaoke machine.
Toe-tapping beats stimulate activity. Up-tempo dance tunes can help stimulate both mental and physical activity in Alzheimer’s patients. Encourage dancing, if possible.
Easy listening can be soothing. Soothing music can help ease the anxiety and frustration felt by many people with Alzheimer’s disease. For example, lullabies at bedtime can help your loved one get into bed and fall asleep.
A person with Alzheimer’s disease may not be able to verbally communicate their likes and dislikes. Rely on other clues such as facial expressions to help you learn which songs are a hit and which aren’t. Ask friends or relatives for suggestions about the types of music or particular songs the person used to enjoy.

Art Therapy for Alzheimer’s Disease
Painting, drawing, and other forms of art therapy can help people with Alzheimer’s disease express themselves. Expression through art can become especially important as a person’s ability to communicate through words deteriorates.

Here’s how to get your loved one engaged in art therapy:

Picture the past. Encourage a project that tells a story or evokes a memory. The project can be something that you can talk about together, both while the work is in progress and after it is finished.
Free form. Keep instructions to a minimum to avoid confusion and frustration. Then, step out of the way as the work takes shape. If necessary, get things started by painting the first few brush strokes yourself to remind your loved one how it is done. Don’t forget that the picture is done when the person says it’s done, whether you think so or not.
Don’t be a critic. If you don’t care for the colors chosen, keep it to yourself! Positive feedback and questions that encourage interaction are the best contributions you can make.

original site: www.webmd.com

The Power of Music – Henry Wakes Up!

Henry, a nursing home patient with alzheimers, who normally assumes a vegetative state, comes alive upon hearing music from his youth.

Music in Therapy

Music has power—especially for individuals with Alzheimer’s disease and related dementias. And it can spark compelling outcomes even in the very late stages of the disease. When used appropriately, music can shift mood, manage stress-induced agitation, stimulate positive interactions, facilitate cognitive function, and coordinate motor movements. This happens because rhythmic and other well-rehearsed responses require little to no cognitive or mental processing. They are influenced by the motor center of the brain that responds directly to auditory rhythmic cues. A person’s ability to engage in music, particularly rhythm playing and singing, remains intact late into the disease process because, again, these activities do not mandate cognitive functioning for success.

Music Associations. Most people associate music with important events and a wide array of emotions. The connection can be so strong that hearing a tune long after the occurrence evokes a memory of it.

Prior experience with the piece is the greatest indicator of an individual’s likely response. A melody that is soothing for one person may remind another of the loss of a loved one and be tragically sad.

If the links with the music are unknown, it is difficult to predict an individual’s response. Therefore, observe a person’s reaction to a particular arrangement and discontinue it if it evokes distress, such as agitation, facial grimaces or increasing muscular tension.

Top Ten Picks. Selections from the individual’s young adult years—ages 18 to 25—are most likely to have the strongest responses and the most potential for engagement.

Unfamiliar music can also be beneficial because it carries no memories or emotions. This may be the best choice when developing new responses, such as physical relaxation designed to manage stress or enhance sleep.

As individuals progress into late-stage dementia, music from their childhood, such as folk songs, work well. Singing these songs in the language in which they were learned sparks the greatest involvement.

Sound of Music. Typically, “stimulative music” activates, while “sedative music” quiets. Stimulative music, with percussive sounds and fairly quick tempos, tends to naturally promote movement, such as toe taps. Look to dance tunes of any era for examples. Slightly stimulative music can assist with activities of daily living: for example, at mealtime to rouse individuals who tend to fall asleep at the table or during bathing to facilitate movement from one room to another.

On the other hand, the characteristics of sedative music—ballads and lullabies—include unaccented beats, no syncopation, slow tempos, and little percussive sound. This is the best choice when preparing for bed or any change in routine that might cause agitation.

Responses that are opposite of those expected can occur and are likely due to a person’s specific associations with the piece or style of music.

Agitation Management. Non-verbal individuals in late dementia often become agitated out of frustration and sensory overload from the inability to process environmental stimuli. Engaging them in singing, rhythm playing, dancing, physical exercise, and other structured music activities can diffuse this behavior and redirect their attention.

For best outcomes, carefully observe an individual’s patterns in order to use music therapies just prior to the time of day when disruptive behaviors usually occur.

Emotional Closeness. As dementia progresses, individuals typically lose the ability to share thoughts and gestures of affection with their loved ones. However, they retain their ability to move with the beat until very late in the disease process.

Ambulatory individuals can be easily directed to couple dance, which may evoke hugs, kisses or caresses; those who are no longer walking can follow cues to rhythmically swing their arms. They often allow gentle rocking or patting in beat to the music and may reciprocate with affection.

An alternative to moving or touching is singing, which is associated with safety and security from early life. Any reciprocal engagement provides an opportunity for caregivers and care receivers to connect with one another, even when the disease has deprived them of traditional forms of closeness.

How-to of music therapy:

 Early stage—

  • Go out dancing or dance in the house.
  • Listen to music that the person liked in the past—whether swing or Sinatra or salsa. Recognize that perceptual changes can alter the way individuals with dementia hear music. If they say it sounds horrible, turn it off; it may to them.
  • Experiment with various types of concerts and venues, giving consideration to endurance and temperament.
  • Encourage an individual who played an instrument to try it again.
  • Compile a musical history of favorite recordings, which can be used to help in reminiscence and memory recall.

Early and middle stages—

  • Use song sheets or a karaokeplayer so the individual can sing along with old-time favorites.

Middle stage—

  • Play music or sing as the individual is walking to improve balance or gait.
  • Use background music to enhance mood.
  • Opt for relaxing music—a familiar, non-rhythmic song—to reducesundowning, or behavior problems at nighttime.

Late stage—

  • Utilize the music collection of old favorites that you made earlier.
  • Do sing-alongs, with “When the Saints Go Marching In” or other tunes sung by rote in that person’s generation.
  • Play soothing music to provide a sense of comfort.
  • Exercise to music.
  • Do drumming or other rhythm-based activities.
  • Use facial expressions to communicate feelings when involved in these activities.

Contributed by Alicia Ann Clair, Ph.D., MT-BC, professor and director of the Division of Music Education and Music at the University of Kansas in Lawrence. “How-to” section contributed by Concetta M. Tomaino, DA, MT-BC, vice president for music therapy and director of the Institute for Music and Neurologic Function at Beth Abraham Family of Health Services, Bronx, NY.

original site: www.alzfdn.org

 

Alcune considerazioni riguardo il caso di M. donna affetta da ritardo mentale gravissimo

Alcune considerazioni riguardo il caso di M.
di Pavan Marco – musicista – musicologo – musicoterapista – Alessandria.

M. è una donna di 61 anni affetta da Ritardo Mentale gravissimo, residente all’Istituto Divina Provvidenza di Alessandria nel quale io lavoro da 8 anni. M. partecipa già alle sedute di musicoterapia recettiva di gruppo nel suo reparto, con cadenza settimanale e alterna periodi di tranquillità ad altri nei quali è molto nervosa. Durante uno di questi suoi periodi di agitazione nei quali è autolesionistica, urla e fatica più del solito ad avere relazioni sociali (perché diventa aggressiva anche con gli altri), mi è stato richiesto un ciclo di sedute di musicoterapia individuale, del quale vorrei presentarvi in questo articolo i tratti salienti. Premetto che durante i succitati periodi di nervosismo M. di solito alterna urla molto forti a una produzione s/m (una terza minore ascendente sulle le vocali O ed E che suona tipo “dov’è”). In questo modo continua per tutto il giorno senza interrompersi se non per mangiare e per dormire. Il mio intervento è nato proprio con l’obiettivo principale di ridurre queste produzioni almeno all’interno della seduta di musicoterapia, come contenitore per sfogare il suo malessere e poi anche per fare in modo di avere uno strumento sul medio-lungo termine per gestire questi periodi; un altro obiettivo era quello di contenere la sua aggressività attraverso la manipolazione dello strumentario orff. La durata del ciclo è stata di 10 sedute di musicoterapia attiva, il setting è stato inizialmente la sua stanza da letto, poi dopo 3 sedute un’altra stanza sempre molto simile alla sua. La durata delle sedute oscilla tra i 20 e i 25 minuti effettivi; sono io che la vado a prendere e che la riporto nella sala dove si trova di solito. Lei si muove quasi sempre volentieri con me e mi conosce da quando ho iniziato a lavorare nell’Istituto, per questo mi ubbidisce (alzati, siediti, non mi picchiare/farmi male,…). Il suo comportamento osservabile è di tipo resistivo, asociale e auto-offensivo; i suoi arti non hanno compromissioni motorie gravi e si muovono in modo fluido, non noto nessuna compromissione uditiva e visiva; il suo contatto visivo è discreto. Mantiene l’attenzione in modo sporadico, non si riscontrano manierismi. La sua andatura è impacciata e la postura scarsa. Per ciò che riguarda il dominio motorio cammina da sola e mantiene tutte le abilità non locomotorie quali piegare le braccia e il tronco avanti e indietro, in alto e in basso, si gira e fa dietro-front, ha un equilibrio dinamico controllato e quello statico è stabile. Ha un uso non appropriato del suo corpo e agisce molte volte su imitazione, la motricità fine è regolare. Il dominio comunicativo è inadeguato, M. non ha un linguaggio comprensibile, ha un vocabolario ristretto e non forma frasi di senso compiuto, ma accosta alcune parole una dopo l’altra. Quando è molto agitata grida oppure canta le vocali O e E compulsivamente, una dopo l’altra con un tono di voce forte e sonoro (di solito, come già detto, produce una terza minore ascendente) e intercala la sua produzione con delle risa, sempre ad alto volume. L’articolazione non è intellegibile, la prosodia è cadenzata e la velocità moderata; non dimostra di capire le parole di una canzone e ha poca consapevolezza del proprio corpo. Per quanto riguarda il dominio affettivo, l’espressione del viso è dura, solo a volte piacevole, ha una gamma di sentimenti labile, raramente ha delle risposte emotive appropriate e comunque mai correlate agli stimoli musicali proposti. Ha consapevolezza relativa di sé, degli altri e dell’ambiente in cui vive; partecipa ballando da in piedi insieme a me alle sedute di gruppo e a volte canta le melodie di alcune canzoni religiose.

La musica come intervento
Molte attività che si fanno con persone disabili sono indispensabili non per curare o per guarire, ma per tenere attivo il Sé, per evitarne l’impoverimento e il collasso, sono misure preventive la cui assenza sarebbe dannosa, ma non sono terapie nel senso sanitario del termine, non per questo valgono meno o hanno minore importanza. Fatta questa premessa si può passare a spiegare l’azione che la musica, in forma attiva e passiva, ha su soggetti affetti da varie patologie ad espressione psichica, limitandosi ad alcune considerazioni generali:

– in primo luogo, l’apporto musicale, inteso sia come un senso passivo (ascolto) che attivo (far musica) agisce indipendentemente dal quoziente intellettivo. La musica – ritmo, melodia – è di per sé uno stimolo; a seconda poi dell’assetto personale (competenze culturali comprese), può essere ampiamente discusso;
– esso facilita la comunicazione ed il contatto, rappresenta un canale lungo il quale è possibile veicolare dei rapporti e costituisce, nella sua forma attiva, una concreta occasione per favorire la partecipazione;
– permette di esprimere il Sé, realizzando una specie di “autoritratto” che consente di conoscere inediti aspetti della persona ritardata (che ha, in genere, pochi modi ed occasioni di manifestarsi);
– fornisce agli operatori una possibilità di contatto più attiva e creativa della maggior parte delle procedure d’intervento che si fanno con i soggetti ritardati.
Certamente molte questioni restano aperte, tra le più importanti il ruolo che il musicoterapista ricopre in un lavoro lasciato così libero all’iniziativa personale (che peraltro accade in ogni psicoterapia). Ciò che conta di più però è l’apporto che la musicoterapia dà nella prassi operativa col Ritardo Mentale, soprattutto quando si lavora con pazienti istituzionalizzati o con pazienti gravi (proprio come M.), casi nei quali queste tecniche più fluide e meno codificate si dimostrano valide. Uno dei compiti della musicoterapia è quello di tenere vivo il Sé, di evitare l’impoverimento della persona ritardata che costituisce il più grave pericolo in quanto rappresenta la morte dell’individuo quando ancora la vita biologica lo abita; un compito non facile se lo si vuole svolgere, professionalmente, ad alti livelli.

Le sedute
L’obiettivo primario del ciclo di sedute era quello di tranquillizzare, calmare M. non solo nel tempo del trattamento ma anche di portare la sua calma fuori dalla seduta di musicoterapia. Per me inoltre era quello di stabilire prima un contatto utilizzando l’elemento s/m e il non-verbale che portasse appunto all’obiettivo di cui sopra. Lo schema delle sedute è la classica tecnica di svolgimento del trattamento individuale con la musicoterapia attiva (dato che le competenze del paziente non sono sufficienti per provare a utilizzare il trattamento della musicoterapia recettiva). M. accetta senza problemi di permanere all’interno della stanza (che in questo caso è il “setting”) senza cercare mai di uscire; contestualmente propongo a M., sempre utilizzando il canale non-verbale, di esplorare il mio strumentario (composto principalmente da tamburelli, maracas e sonagli che io porto con me in una borsa di stoffa verde) e di impiegarlo in un rapporto dialogico con me. La fase iniziale di accoglienza, in questo caso, è quella nella quale io vado a prendere M. e la porto in stanza ( come già precedentemente descritto). Nella fase centrale si sviluppano processi espressivi, comunicativi e relazionali non-verbali, mediati sempre dall’elemento s/m che è il mezzo attraverso il quale poter raggiungere il nostro obiettivo. Per ultima una fase conclusiva di congedo nella quale verbalizzo un breve commiato a M. (per esempio: “Ciao, sei stata brava oggi! Ci vediamo Venerdì.) anche come incoraggiamento e stimolo per rimandarle col tono della mia voce un feedback positivo e rassicurante. Qualche volta nella fase centrale delle sedute arriviamo ad avere un breve dialogo s/m che inizialmente sembrava un obiettivo irraggiungibile; la proposta s/ m parte sempre da M. (lei utilizza maracas come battenti tra loro e io tengo un tamburello e un altro sonaglio nella mano destra).

Conclusioni
Il ciclo di sedute è servito a M. per raggiungere alcuni degli obiettivi precedentemente illustrati quali quello principale di ridurre al minimo le sue produzioni sonore nell’arco della giornata e contenerle all’interno della seduta di musicoterapia e di rilassare M. al punto di ridurre l’assunzione di comportamenti lesionistici con gli altri e con sé stessa. Mi propongo di ripetere le sedute a distanza di qualche mese per dare continuità al percorso intrapreso da me e per raggiungere gli obiettivi anche sul lungo termine. Questo ciclo di sedute diventa un punto di partenza per affrontare la sua disabilità e le sue problematiche psichiatriche in un modo diverso, complementare alle cure mediche a lei necessarie, e avere un supporto psicologico adeguato inserito nell’ambiente nel quale si trova.

Bibliografia:

  • –  Garzantina della psicologia – Garzanti – 2004;
  • –  C. Moretti in Musica & Terapia – Vol. 5 n. 1 Gennaio 1997 – Ugo Boccassi Editore;
  • –  G. Manarolo – Manuale di musicoterapia – Edizioni Cosmopolis – Torino 2006;
  • –  E. H. Boxill – Il mondo interpersonale del bambino e la sua musicalità – Bollati Boringhieri – Torino 2000.

L’albero fiorito

L’albero fiorito libro di Laura Gamba
La musica, il suono e la voce sono elementi fondamentali nella co‐ struzione della relazione con i nostri bambini. L’utilizzo del canto fina‐ lizzato allo sviluppo armonico e al potenziamento delle condotte
e‐spressive e del linguaggio può essere efficacemente applicato nei più diversi contesti musicali con l’infanzia, andando dall’ambito educati‐ vo a quello terapeutico e riabilitativo.

Questo volume nasce dalla lunga esperienza professionale dell’au‐ trice, musicoterapista all’interno di un servizio ospedaliero di Neuro‐ psichiatria infantile e, precedentemente, come insegnante di musica nella Scuola Primaria. Esso si rivolge quindi a insegnanti, in partico‐ lare quelli di sostegno, a educatori e terapisti, soprattutto logopedisti e musicoterapisti.

L’albero fiorito propone 38 canzoni, ognuna corredata da:
• uno spartito con la melodia, il testo e gli accordi per l’accompagna‐mento;
• il testo accompagnato da un disegno che ne illustra i contenuti; • suggerimenti e proposte di attività.

Il CD allegato contiene i singoli brani cantati con accompagnamento di pianoforte e i soli accompagnamenti strumentali da utilizzare come base musicale per le proprie esecuzioni.

Gli acquirenti potranno inoltre richiedere gratuitamente gli spartiti per pianoforte e voce, e scaricare dal sito le tavole illustrate in forma‐ to A4.

L’albero fiorito rappresenta un valido sussidio per chi opera con bambini che presentano difficoltà nel controllo psicomotorio e nel‐ l’attenzione, oltre che ritardo anche importante nel linguaggio; in ge‐ nerale per chiunque consideri il canto un mezzo per migliorare le ca‐ pacità relazionali, comunicative ed espressive nell’età infantile.

Per ulteriori informazioni si prega di contattare i nostri uffici:
tel 0722.816053 – 816895, fax 0722.816055, e-mail info@progettisonori.com oppure consultare il sito www.progettisonori.com
Seguici anche su Facebook: www.facebook.com/progettisonorididatticamusicale

Formato 195 x 265
Pagine 88 a colori + CD
ISBN 978888803894 • CAT. PS1503 Prezzo al pubblico Euro 25,00 (IVA inclusa)