ALZHEIMER. Le paylist personali da fare ascoltare a pazienti affetti da demenza

cialzheimersmusic.jpg.size_.xxlarge.promo_-300x200

In occasione della giornata mondiale dedicata il 21 settembre all’Alzheimer invitiamo coloro che hanno un familiare o un amico o un paziente in cura affetto da demenza, a richiedere una playlist personale, progettata su misura.

Uno o più musicisti, musicoterapeuti esperti, con lunga esperienza di lavoro con persone malate di Alzheimer, con la consulenza di geriatri e neurologi metteranno infatti a disposizione le proprie conoscenze per supportare ed accompagnare i Caregiver (famigliari, operatori, amici) nella loro quotidianità, progettando un ascolto di brani (Playlist) che sia legato al rilassamento, ai ricordi, all’attivazione motoria, al recupero cognitivo, alla personalità specifica dell’anziano.

Le Playlist saranno individuali, chi intende aderire dovrà per prima cosa inviare mail di disponibilità al progetto all’indirizzo roberto.bellavigna@gmail.com. Ricevuta risposta affermativa dal nostro staff si potranno inoltrare (….se possibile e se  si vorrà) i dati richiesti dai Moduli qui sotto scaricabili. Indicheremo con precisione quali moduli saranno da considerare per dare a noi la possibilità di studiare una sequenza di brani musicali  appropriata caso per caso. Le Playlist saranno, inviate via mail, o saranno utilizzabili sul servizio musicale online Spotify, o potranno essere caricate ed inviate via posta ordinaria su supporti di salvataggio (pennetta usb per essere riprodotte su lettori mp3 in cuffia, cd audio).

Non è richiesto nessun contributo o pagamento (se non eventualmente i costi  di invio postale e costi del supporto di memoria, chiavetta, cd, cassetta). Altresì chi vorrà in modo autonomo potrà a sua completa discrezione sostenere nell’importo che crede più appropriato i progetti presenti sul sito. Le vostre risposte (in forma assolutamente anonima) potranno essere utilizzate per compiere studi, esposizione dati ricerche in sede di convegni tematici Musica-malattia di Alzheimer. I nostri tempi di risposta saranno commisurati al numero delle richieste ricevute. Vi chiediamo pazienza, sostegno fattivo, scambio di info inerenti al tema, passione nel seguire il nostro progetto nel tempo e nelle sue varie fasi. Si richiederà ai partecipanti un feedback per capire come e quando l’intervento musicale abbia o meno avuto un riscontro positivo.

Nonostante il progressivo deterioramento delle sue facoltà cognitive e funzionali, in moltissimi casi il malato di Alzheimer è in grado di ricordare le melodie e spesso anche le parole di motivi che sono stati la colonna sonora della sua vita. Quale la spiegazione? Secondo gli esperti probabilmente il motivo è che la musica coinvolge l’individuo principalmente sul piano emozionale e non su quello cognitivo. E sono le emozioni a riportare a galla le parole di una canzone o il suono di uno strumento. “Il potere del suono che restituisce al demente ponti privilegiati di comunicazione” Brano tratto da “Musicoterapia con il malato di Alzheimer”- Autori vari,  pubblicato da: Alzheimer Italia e Progetto Anziani Musicoterapia

Un’ascolto quotidiano musicale rinforza la comunicazione, crea nuove attività, rilassa e predispone al dialogo, incrementa soluzioni positive. Questo è uno spazio in continuo aggiorneremo  lo rinnoveremo con la partecipazione di chi avrà desiderio di conoscere e approfondire.

Le SCHEDE da compilare per richiedere la PlaylistAlzheimer possono essere scaricate sul sitoLamusicadellavita.eu

Seminario Musicoterapia Anziani a Roma 6-7 settembre

Schermata 2014-03-05 a 21.26.21

Si avvicina il seminario di musicoterapia di Roma “la musica della vita” programmato per il 6 7 settembre prossimo….. ultimi posti disponibili, parleremo di #musica #musicoterapia #alzheimer #anziani #disabilità. Video di attività, laboratori…… vi aspetto
per maggiori info www.lamusicadellavita.eu o trovate maggiori info nella sezione dedicata di questo sito.

Promoting communication and wellbeing for people with dementia through Sonas

June2014_gen1_3_1_

Vol VII n.32

Promoting communication and wellbeing for people with dementia through Sonas

A group in Manchester uses an approach called Sonas to help people with dementia to express themselves. Danny Ratnaike reports on how activity may help communication.
lwd-horizontal-bar
Alison Williams, a speech and language therapist, says,
‘If someone is struggling with an aspect of communication, they shouldn’t be made to feel it’s their problem.’
‘Communication is always a partnership, a joint understanding of what’s being said.’
Alison co-founded a group in south Manchester nine years ago that provides a weekly opportunity for people with dementia to connect and express themselves.
Sonas group in south ManchesterHelen Day-Mayer, whose mother Jacqueline attended for three years, says,
‘The sessions made me aware that while Mum’s speech had largely gone, there were plenty of other ways to communicate with her by using her other senses much more.’
Wellbeing

Alison leads a speech and language therapy team at Manchester Mental Health and Social Care Trust and set the group up with Admiral Nurse Loraine Butterworth. They chose an approach called Sonas – Irish Gaelic for ‘wellbeing’ – that uses a range of structured, multisensory activities.
Loraine says,
‘The regular format helps people to recognise and become familiar with the group, which is very helpful for people with short-term memory loss.
‘The short bursts of varied activities mean it’s OK if one thing doesn’t suit somebody, as you quickly move on.’
People with dementia may experience difficulties in finding words, understanding others or recognising objects, which can discourage valuable social interaction.
Alison says,
‘Sonas provides a tool that can be used for anyone at any stage of dementia. Our community group is for people who are quite well living at home, usually with a carer.’
Regular format

Kristy Stott, Speech and Language Therapy Assistant, has led the sessions for over five years. Each lasts two hours, extended from the more usual 45-minute Sonas session to be worthwhile for everyone travelling specially.
Activities use music, inflatable balls, things to smell and touch, proverbs to complete – anything that stimulates senses and memories. The session runs along to a CD, with a regular voice and signature tune providing a familiar structure.
Kristy says this means she can focus on individual attendees.
‘I don’t have to worry about the format, I can make sure everybody is involved and not left out.’
Pauline Snowden’s husband had Alzheimer’s and used to attend, and after he died four years ago she was taken on by the trust as a volunteer to help with the group.
She says,
‘Ray loved it – he was a referee until the age of 72 and always active. They have a soft ball they play football with, chair exercises and of course they sing.’
Loraine says,
‘One lady with very advanced dementia struggled to engage with her surroundings. After attending, she began to join in with some of the exercises and singing. She would be animated and began to make friends.’
Sonas group in south Manchester

Joy and happiness

Helen, whose mother was a headteacher and had mixed dementia, says,
‘It gave me ideas to follow up with at home in terms of sensory games and resources to use.
‘I also realised that making eye contact with Mum before I spoke to her made a huge difference to her comprehension.’
Helen stayed during the sessions at first, but soon felt able to spend the time doing things herself and sharing with other carers.
‘It was two hours where I could come up for air.’
Annabel Green, an Assistant Psychologist, took part in the group for a month before beginning work to gauge its impact.
She says,
‘You can just see the joy and happiness that people get from it – the big smiles on their faces, very warm and welcoming environment, and great rapport between the people with dementia and with staff.
‘The first time I went it really surprised me. One person came in without looking at anybody, but by the end he was shaking my hand and smiling.’
More mindful

Loraine says,
‘Finding ways to promote communication is very beneficial for maintaining relationships between the person with dementia and their family, as well as for the person’s wellbeing.’
Of course this can become difficult as dementia progresses. Pauline says,
‘I’ve done it myself. I used to say things to Ray and he’d look at me. I’d raise my voice but he wasn’t deaf, he just couldn’t understand the question.’
Kristy says,
‘If you need advice you could be referred to a speech and language therapist, or speak to the local Alzheimer’s Society.
‘Everyone should be made to feel valued, and not feel they have to withdraw from activities. It means being more mindful, more patient.’

fonte: http://www.alzheimers.org.uk/site/scripts/documents_info.php?documentID=2683&pageNumber=3

La música puede para ayudar a personas con Alzheimer a recuperar recuerdos de experiencias positivas de su vida

Alzheimer1

Vol VII n.28

56 Congreso de la SEGG y 29 Congreso de la SCGG
Europa Press – jue, 22 may 2014
MADRID, 22 (EUROPA PRESS)

La música puede para ayudar a personas con Alzheimer a recuperar recuerdos de experiencias positivas de su vida, según ha asegurado la musicoterapéuta especializada en geriatría y demencias, Mónica de Castro, durante una ponencia realizada en el 56 Congreso de la Sociedad Española de Geriatría y Gerontología (SEGG) y el 20 Congreso de la Societat Catalana de Geriatría i Gerontología (SCGG). De hecho, un estudio realizado en 2009, mostró como en el córtex prefrontal medial de una persona sana existe un área que se activa cuando se escucha una música conocida, provocando recordar aspectos autobiográficos. Esta área es una de las que más tarde se deteriora en la enfermedad de Alzheimer.
“Podemos decir que la música tiene efectos sobre múltiples áreas del cerebro a nivel, tanto cortical como subcortical, y por lo tanto activa una red muy extensa que tiene una amplia cobertura de funciones. El ritmo influye sobre la regulación de la motricidad, la melodía tiene impacto sobre las emociones y la armonía está relacionada con aspectos cognitivos. Otros elementos como la intensidad, el tono, el tempo, la altura y el timbre se utilizan también para ayudar a regular estados de ánimo y aspectos fisiológicos”, ha comentado De Castro.
En este sentido, la experta ha señalado que la finalidad última de la musicoterapia es mejorar la calidad de vida de la persona y, especialmente, aquella que padece demencia porque es capaz de procesar la música después de haber perdido la capacidad de procesar el lenguaje.
Este hecho, prosigue, convierte a la música, en las fases más avanzadas, en una “importante” vía para la conexión con su propia identidad y la comunicación con su entorno más cercano, activando la memoria biográfica, las emociones asociadas y ofreciendo la posibilidad de compartir una experiencia propia con otro ser humano.
“Además, puede ser un estímulo que les proporciona confort y que puede mejorar su contribución a las actividades básicas como el aseo o la alimentación, añade la musicoterapéuta”, ha explicado la experta, para comentar que la música desvía el foco de atención de la persona de estímulos que no puede interpretar a un estímulo que tiene sentido, y por tanto tiene un efecto “calmante” ante estados de ansiedad en fases moderadas y avanzadas del proceso de demencia.
Asimismo, tal y como ha asegurado, en fases leves y moderadas puede contribuir a mantener las capacidades cognitivas y funcionales preservadas, retrasando el nivel de dependencia, y en fases más avanzadas puede ser una de las pocas vías de acceso a su propia identidad, una vía de comunicación con sus cuidadores, un estímulo que les proporciona confort y que puede mejorar su contribución a las actividades básicas como el aseo o la alimentación.
“Finalmente existe evidencia de que determinadas técnicas musicoterapéuticas pueden ayudar a reducir síntomas conductuales como la agresividad física y verbal o el deseo de deambular, contribuyendo a la mejora de la calidad de vida de la persona que padece la demencia y de sus cuidadores”, comenta De Castro.

Pubblicate date Seminari laboratorio Musicoterapia Anziani 2014

savvy-headphones-cropped_t670x470

Seminari 2014

LA MUSICA DELLA VITA” Seminari – Laboratorio
MUSICOTERAPIA ANZIANI e DISABILITA’’
Attività musicali e musicoterapia con Anziani – Alzheimer.
Al termine dei corsi verrà consegnato un Attestato di partecipazione

Calendario (date in continuo aggiornamento)
-Salsomaggiore Parma SABATO 29, DOMENICA 30 MARZO 2014
Sede dell’incontro Associazione Onlus “Faro 23″
Download Programma e Scheda di iscrizione
Iscrizioni devolute per attività dell’Associazione

-Milano SABATO 21 GIUGNO 2014
Sede incontro c/o Sede Arpamagica Via Chiaravalle 11, 20122 Milano www.arpamagica.it
Download Programma e Scheda di iscrizione
Iscrizioni attivate segreteria organizzativa Associazione Arti e Suoni www.artiesuoni.com

-San Benedetto del Tronto (AP) SABATO 28 GIUGNO 2014
Sede dell’incontro Centro Biancazzurro  San Benedetto del Tronto (AP)www.biancazzurro.org
Download Programma e Scheda di iscrizione
Iscrizioni attivate segreteria organizzativa Associazione Arti e Suoni www.artiesuoni.com

-Roma SABATO 6 DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014
Sede incontro c/o 
Teatro Piccolo re di Roma via Trebula 5 Roma  www.piccolorediroma.it
Download Programma e Scheda di iscrizione
Iscrizioni attivate segreteria organizzativa Associazione Arti e Suoni www.artiesuoni.com

Maggiori info su www.musicoterapia-anziani.eu I corsi sono approfondimenti sull’utilizzo della musica nelle relazioni di aiuto in ambito geriatrico. Agli stage possono partecipare musicisti, operatori del sociale, medici, infermieri, fisioterapisti, insegnanti, coordinatori struttura, psicologi, studenti di scuole di musicoterapia di nazionalità italiana o straniera. 
Non vi sono limiti di età, non è richiesta una specifica competenza musicale specifica di base. Chi vuole portare con sè strumenti musicali personali di proprio gradimento è invitato a farlo.

IMPORTANTE: I seminari per essere confermati devono avere almeno 7-8 iscritti. Nel caso si raggiungesse un numero di iscritti superiore al numero consentito (numero max iscritti differente nei vari appuntamenti) verranno programmate più date di incontri da concordare con le varie  segreterie del corso.

Contenuti generali :

- Musicoterapia, animazione musicale 
video, esempi, schede tecniche operative.
- La creazione di una Stanza multisensoriale 
 a scuola, nei centri con ragazzi disabili e 
istituti geriatrici
- Musicoterapia in casa di riposo: 
Alzheimer, Parkinson Demenza
- Ascolto musicale; le qualità della musica, 
il repertorio, le proposte possibili; 
Grafici sonori
- Musica movimento, Danze, Coreografie,
socializzazione, Il corpo in gioco
- Analisi Video sedute di 
Musicoterapia singoli e gruppi
- Canzoni in terapia, Canzone creativa
Identità, ricordo, recupero cognitivo
- Dal pentagramma alla scrittura facilitata
- Setting, costruzione Strumenti musicali
-Musicoterapia e disabilità
- Bibliografia di riferimento, Area riservata, Documentazione OnLine

I contenuti sopra menzionati saranno sviluppati nelle modalità e nei tempi disponibili, particolare attenzione sarà rivolta alle richieste e alle esigenze dei presenti che saranno concordate con gli iscritti in sede di corso. I seminari di 2 giorni saranno svolti anche con attività laboratoriali.

Relatore: Fin dagli anni 90 Roberto Bellavigna insegnante e musicista attivo in ambito concertistico lavora stabilmente in equipe allʼinterno di strutture geriatriche e nei centri con ragazzi disabili con progetti strutturati di musicoterapia. In questi contesti, nel contatto lavorativo settimanale con le varie situazioni, ha maturato un approccio musicale pratico e nel contempo analitico, volto a rivalutare la risorsa empatica personale ed emozionale della musica come strumento che promuove obiettivi importanti quali la socializzazione, il recupero ed il potenziamento cognitivo, lʼattivazione e il supporto del movimento. Molte le collaborazioni formative in varie zone dʼItalia sia in ambito progettuale che nel contesto scolastico e sociale che negli anni hanno dato vita a Convegni, corsi di formazione, esperienze di confronto sul tema della valutazione in musicoterapia, organizzazione di percorsi terapeutici musicali, progettazione e costruzione aule multisensoriali, costruzioni strumenti musicali, video esperienze. Attualmente la rivista OnLine www.musicoterapia-anziani.eu fondata da Roberto Bellavigna di cui è direttore editoriale è punto di riferimento documentale e informativo sulla tematica in Italia ed allʼestero, nel 2013 in collaborazione con il Magazine ARTeSOCIALE la rivista ha promosso un Network di siti e servizi nazionali ed internazionali sulla musicoterapia e le altre terapie espressive.